Cannabis light: perché dire no ai luoghi comuni

Non è affatto difficile, accendendo un notiziario o sfogliando un quotidiano, sentire parlare di marijuana e cannabis. Il problema vero e proprio sta nel fatto che, quando se ne parla, è molto più facile sentir parlare la paura o i luoghi comuni al posto di fatti oggettivi.

 

Inoltre, la cosa più grave, è che non si distingue tra la cannabis light, o erba legale come è più comune chiamarla, e quella non consentita dalla legge andando così ad ignorare tutti i benefici che questa può portare al corpo ed alla mente di chi ne fa uso. La stessa cosa si può dire anche per la marijuana utilizzata a scopi medici.

 

Cerchiamo quindi di portare un po’ di chiarezza in più e fare luce sulla faccenda. Rispondiamo dunque assieme a domande su cosa sia, come si utilizza, la differenza tra quella legale e non, dove è più conveniente acquistarla e così via. Buona lettura a tutti!

 

Che cosa si intende per cannabis light?

 

Quando si parla di cannabis light s’intende una sostanza naturale al 100% senza alcun effetto psicotropo dovuto al principio attivo del THC (qui siamo sotto allo 0,6%). Quello che si proverà sarà una generale sensazione di relax per il corpo e la mente.

 

Questo particolare tipo di effetto, senza effetti dannosi o sensazioni di annebbiamento, si deve al CBD (sigla che sta per cannabidiolo) che è anch’esso un principio attivo, ma senza effetti psicoattivi (leggi tutto qui). Infatti si può assumere tranquillamente l’erba legale per digerire dopo un abbondante pasto, per prendere sonno o anche per rilassarsi prima di mettersi al volante.

 

Alcuni luoghi comuni sulla marijuana

 

Prima di tutto va detto che spesso si fa un po’ di confusione tra marijuana, cannabis ed hashish, cerchiamo di fare un po’ più di luce sulla cosa.

 

La marijuana è fatta dai fiori della cannabis che, al contrario, è l’intera pianta. L’hashish, invece, è il risultato della lavorazione dei pollini e delle resine della canapa. Inutile dire che, salvo per dei casi particolari come quello medico, tutto questo non è a norma di legge.

 

Al contrario di queste sostanze, la cannabis light, invece, non crea alcuna forma di dipendenza, come spesso si crede, ed è un business perfettamente legale da milioni all’anno. Prodotto in maniera del tutto naturale e controllata, una volta arrivata nei negozi fisici oppure online, si avrà la certezza di un prodotto completamente sicuro ed “innocuo”.

Dove si può comprare l’erba legale?

 

Se si vive in una città abbastanza grande e fornita, allora è davvero probabile che, tra i negozi più “classici”, ve ne sia uno specializzato in materia. Certo così va bene, ma non va assolutamente trascurato il mondo dell’online.

 

Andando su Weedzard, infatti, si avrà accesso a tutto un catalogo di cannabis light e prodotti correlati (come oli o semi) con il quale trovare un po’ di meritato relax. Sul sito c’è una grandissima possibilità di scelta, è sempre presente un servizio di assistenza clienti, si può ordinare il tutto online come su Amazon e ricevere il prodotto a casa.