Come è cambiato il Black Friday nel corso degli anni

Come è cambiato il Black Friday nel corso degli anni

La maggior parte degli americani trascorre il Ringraziamento a casa, godendosi il tempo con la famiglia e gli amici, concedendosi un pasto abbondante e magari facendo un pisolino. Quindi, qual è il modo migliore per trascorrere la giornata dopo un rilassante ringraziamento piuttosto che svegliarsi all’alba per sfidare le folle nei supermercati? Questo è il Black Friday, in poche parole.

Oggi, il Black Friday è uno dei giorni di shopping più popolari dell’anno, ma la vacanza commerciale non ufficiale risale a molto più lontano di quanto si possa pensare. Il giorno dopo il Ringraziamento divenne popolare per gli acquirenti alla fine degli anni ’20, quando le vendite pubblicitarie di Macy pubblicarono durante l’annuale Thanksgiving Day Parade a New York. Da lì, la festa si è evoluta nel sogno del cacciatore d’affari che è oggi.

Il Black Friday è probabilmente il giorno di shopping più famoso dell’anno negli Stati Uniti.  Oggi, il giorno dopo il Ringraziamento, è noto per folle di persone e affari folli, anche se è iniziato molto più piccolo. La prima grande pubblicità del giorno del Ringraziamento è arrivata dai grandi magazzini di Macy durante la parata annuale del Giorno del ringraziamento, iniziata nel 1924. Il nome “Black Friday” non sarebbe arrivato fino a decenni più tardi.

Negli anni ’30, il giorno dopo il Ringraziamento fu un giorno di shopping molto popolare, anche se la Grande Depressione rallentò drammaticamente l’industria al dettaglio in generale. Nel tentativo di allungare la stagione dello shopping natalizio e di dare impulso all’economia, il presidente Franklin D. Roosevelt spostò la data del Ringraziamento dall’ultimo fine settimana di novembre al quarto fine settimana di novembre dal 1939 al 1941. Questo periodo divenne noto come ” Franksgiving.”

Si ritiene che il termine “Black Friday” sia nato negli anni ’50 a Philadelphia, in Pennsylvania. E ‘stato utilizzato per la prima volta dalla polizia in riferimento a folle e traffico relativi a shopping natalizio e partite di calcio. I giornali di Philadelphia iniziarono a usare il termine per riferirsi alle folle nei centri commerciali negli anni ’60. Negli anni ’70 e ’80, il “Black Friday” era diventato noto come il giorno in cui i negozi avevano così tanto lavoro da passare dal “rosso” al “nero”. Mentre l’hype intorno al Black Friday crebbe, così fecero le folle. Negli anni ’90, il Black Friday era la sua festa non ufficiale, iniziata nelle prime ore del mattino dopo il giorno del Ringraziamento.

Ci sono stati molti articoli caldi nel corso degli anni che hanno superato le liste dei desideri degli acquirenti del Black Friday in tutto il paese. TV e altri dispositivi elettronici, ad esempio, sono sempre stati articoli popolari. Dalle smart TV di oggi fino ai modelli più vecchi, come un televisore a colori da 19 pollici degli anni ’90. I giocattoli sono un’altra categoria calda per i cacciatori di affari del Black Friday. Nel 2016, Toys ‘R’ Us ha operato per 30 ore consecutive, aprendo alle 17:00 del giorno del ringraziamento e non chiudendo fino alle 23.00 di venerdì.

Verso la metà degli anni 2000, c’erano stati diversi episodi di violenza nei negozi in cui le folle erano diventate pericolosamente fuori controllo, con danni ai negozi, combattimenti e persone che scappavano. Ma questo non ha mai impedito alla gente di cercare le migliori offerte. Oggi, le vendite del Black Friday sono ancora selvaggiamente popolari, ma meno persone stanno sfidando la folla e le prime ore del mattino per ottenere offerte. Solo 102 milioni di persone hanno effettuato acquisti nel negozio il Black Friday nel 2015 rispetto ai 147 milioni del 2012.

Invece, il lunedì dopo il Ringraziamento è diventato un giorno di shopping popolare noto come Cyber ​​Monday. Amazon, ad esempio, offre tutti i tipi di offerte il Cyber ​​Monday. Ma nonostante la popolarità e l’appeal del Cyber ​​Monday, il Black Friday è ancora considerato come il giorno di shopping più impegnativo del 2017.

Ringraziamo per la collaborazione alla redazione di questo articolo il portale IdeaRegalo.it